Intervento del Prof. Benedino Gemelli, Presidente dell'AICC-DSI, a Gandria, il 13.6.2015, in occasione della dedica di una targa commemorativa al poeta e scrittore greco Nikos Kazantzakis

 

«Egregi rappresentanti dell'autorità ellenica (Signor Ambasciatore e Sig. Console onorario), stimati rappresentanti dell'autorità comunale, cari membri della comunità ellenica,

per l'AICC-DSI è un piacere ed un onore poter aderire a questa manifestazione in onore di Nikos Kazantzakis. Per statuto la nostra Associazione si prefigge lo scopo di coltivare i valori della classicità greca e latina. Sarebbe tuttavia miope e riduttivo da parte nostra limitarci a considerare la Grecia soltanto dal punto di vista dell'antichità, in senso puramente cronologico. La cultura europea in generale, quella greca in particolare, hanno tratto alimento dal bacino dell'antichità, dando vita ad un percorso di ininterrotta continuità. In questo senso amare la Grecia significa anche amare la sua modernità e la sua eredità a disposizione del patrimonio culturale europeo. Per questo motivo la nostra Associazione continuerà a includere nella propria attività anche momenti di valorizzazione della cultura greca moderna e contemporanea, come si è fatto, ad es., per Seferis, Ritsos, e come si farà per Kavafis l'anno prossimo. Si tratta di occasioni per consolidare i contatti con la Comunità ellenica del Cantone Ticino: assai arricchente è stata la nostra esperienza di collaborazione fino ad oggi col dott. Stavros Rantas, e certamente proseguirà con il nuovo presidente della Comunità ellenica Sig.r Aris Sotiropoulos. È l'occasione per rinvigorire lo spirito di amicizia, di quella genuina philía, non solo fra esponenti della cultura ma anche fra i popoli, prezioso retaggio che parte già dal mondo antico. Lo facciamo oggi celebrando il vincolo che ha legato Kazantzakis alla Svizzera Italiana. La nostra Associazione continuerà anche in futuro a sostenere iniziative come questa, ma intanto godiamoci il momento presente stringendoci attorno a Nikos Kazantzakis».

 

2018  www.culturaclassica.ch