Logoi800x
 
V PERCORSO «PROGNOSI E DESTINO»: LIMITE
conferenze, cinema, teatro e musica, ottobre 2016 - aprile 2017

 

La direzione del Liceo cantonale di Bellinzona
in collaborazione con

la Fondazione Sasso Corbaro per le Medical Humanities

la Scuola di cantonale di Commercio

e l’ Associazione Italiana di Cultura Classica - Delegazione della Svizzera Italiana


Cresoha il piacere di invitarla alla conferenza del professor

Maurizio Giangiulio
(Università di Trento)

ERODOTO E GLI ALTRI
INCONTRI DI CULTURE,
CONFINI TRA LE CULTURE



GIOVEDÌ 27 APRILE 2017, ORE 18:00

LICEO DI BELLINZONA, AULA MULTIMEDIALE


All’epoca di Pericle e del Partenone, dopo la vittoria dei Greci sui Persiani, Erodoto affida all’opera della sua vita una visione della vicenda storica e della natura umana che ha un precedente solo in Omero e che avrebbe segnato la cultura occidentale fino a oggi. La storia del conflitto greco-persiano è inestricabilmente connessa all’intento di preservare la fama delle grandi imprese tanto dei Greci quanto dei barbari. Nonostante Erodoto vivesse i trionfi di Atene, il suo ellenocentrismo è solo apparente, e la trattazione delle vicende persiane si allarga a comprendere un’indagine accurata e di ampie proporzioni sui popoli con i quali i Persiani entrarono in contatto o che conquistarono, dagli Egiziani ai Libici, dai Babilonesi agli Sciti, ai Traci. La cosiddetta etnografia erodotea non è solo resoconto di viaggio o curiosità per l’Altro; è invece parte della comprensione della Storia e della complessità della natura umana. Anche sulla base della lettura di alcune pagine ‘etnografiche’ cruciali, la conferenza metterà a fuoco l’idea erodotea, quasi modernamente antropologica, della cultura come ordinamento supremo della vita collettiva; discuterà in quale misura Erodoto concepisce l’incontro tra le culture, le influenze dell’una sull’altra, in un certo senso l’assenza di barriere tra alcune di esse; rifletterà sulla rappresentazione delle differenze tra le culture (opposizioni, inversioni, simmetrie). La grande lezione di Erodoto è che non ci sono culture umane che non si possano comprendere. Certo il Persiano Serse in fondo non comprendeva i Greci, ma colui che viaggiò, vide, sentì raccontare e poi pensò per una vita comprendeva gli uni e gli altri, e tutti i ‘barbari’. Lo storico era allora colui che sapeva per aver visto, e la comprensione dell’Altro era parte della comprensione della natura umana.


MAURIZIO GIANGIULIO
Maurizio Giangiulio ha studiato alla Scuola Normale di Pisa, a Ginevra, a Oxford e insegnato a Urbino, Viterbo e Trento, dove è dal 2001 Professore di Storia greca. Storico del mondo greco arcaico e classico nella sua dimensione mediterranea e nei suoi rapporti con le altre civiltà e società, ha studiato in particolare i Greci di Occidente (la storia della Sicilia e della Magna Grecia, i rapporti Greci/non-Greci, aspetti della religione, la tradizione Pitagorica), la mobilità mediterranea; la memoria sociale e le tradizioni orali, soprattutto in riferimento a Erodoto. Ha indagato la natura della polis e della democrazia ad Atene e fuori. Si è inoltre occupato dell’influenza delle scienze sociali sulle categorie di analisi della storia antica, con particolare riferimento alle nozioni di tradizione, mito, memoria, identità, etnicità, statualità. Ha pubblicato Ricerche su Crotone arcaica, Pisa: Scuola Normale Superiore, 1989; Giamblico, La Vita pitagorica, Milano: Rizzoli, 1991; Le vie dei racconti. Antologia degli storici greci, Bologna: Cappelli, 1994; Pitagora. Le opere e le testimonianze, Milano: Mondadori, 2000; Memorie coloniali, Roma: L’Erma di Bretschneider, 2010; Democrazie greche. Atene, Sicilia, Magna Grecia, Roma: Carocci, 2015 (20172). Ha curato Erodoto e il modello erodoteo, Trento: Università degli Studi di Trento, 2005 e i voll. III e IV (sulla Grecia fino ad Alessandro Magno) della Storia d'Europa e del Mediterraneo, Roma: Salerno, 2007-2008. Tra i suoi numerosissimi saggi si ricordano Greci e non-Greci in Sicilia alla luce dei culti e delle leggende di Eracle, in Forme di contatto e processi di trasformazione nelle società antiche: atti del convegno di Cortona (24-30 maggio 1981), Pisa: Scuola Normale Superiore, 1981, 785-845; Alla ricerca della polis, in M. Vetta (cur.), La civiltà dei Greci: forme, luoghi, contesti, Roma: Carocci, 2001, 59-104; Stato e statualità nella polis: riflessioni storiografiche e metodologiche, ovvero del buon uso di Max Weber e del paradigma dello stato moderno, in Poleis e politeiai: esperienze politiche, tradizioni letterarie, progetti costituzionali, Alessandria: Edizioni dell'Orso, 2004, 31-53; Identità civica e partecipazione: Clistene e Atene, Storia d'Europa e del Mediterraneo: il mondo antico, II: La Grecia, III: Grecia e Mediterraneo dall'VIII sec. a.C. all'età delle guerre persiane, Roma: Salerno, 2007, 533-570; Collective identity, imagined past, and Delphi, in L. Foxhall, H.J. Gehrke, N. Luraghi (cur.), Intentionale Geschichte: Spinning Time in Ancient Greece, Stuttgart: Franz Steiner, 2010, 121-135; Due paradossi della democrazia di Atene, in F. De Luise (cur.), Legittimazione del potere, autorità della legge: un dibattito antico. Atti del seminario (Trento, 30 settembre-1 ottobre 2015), Trento: Università degli Studi di Trento, 2016, 35-51.

[scaricare QUI l'invito stampabile (file PDF)]



Con il contributo finanziario del Cantone Ticino derivante dal Sussidio federale
per la promozione della cultura italiana.
 
2018  www.culturaclassica.ch