Associazione Italiana di Cultura Classica
Delegazione della Svizzera Italiana
in collaborazione con il

Liceo cantonale di Lugano 1

 

INVITO

alla conferenza pubblica

della Prof. Isabella Gualandri
dell'Università degli Studi di Milano

 

La svolta costantiniana:

aspetti culturali nell'Occidente latino



Giovedì, 7 aprile 2011, ore 18.00
Sala della biblioteca - I piano
Liceo Cantonale, viale Cattaneo 4, Lugano

 

 

La conferenza verterà sull'ambiente culturale di Costantino, a partire dalla personalità di questo imperatore (unico Augusto d'Occidente dal 312 d. C., unico imperatore dal 324 al 337). La sua conversione al Cristianesimo comportò di riflesso una "conversione del Cristianesimo alla cultura classica". Prima di Costantino, infatti, l'atteggiamento dei prosatori cristiani (Minucio Felice, Tertulliano, Arnobio) nei confronti dei classici era stato polemico. Si deve a Lattanzio, all'inizio del IV secolo, la prima apertura, da parte cristiana, verso la cultura tradizionale. Questa apertura si riflette sulla poesia, all'insegna di Virgilio; lo si vede sia nella riflessione cristiana sulla IV ecloga proposta dallo stesso Lattanzio e da Costantino, sia nella composizione di nuova poesia modellata su Virgilio da parte di Giovenco (gli Evangeliorum libri, pubblicati poco dopo il 324).
 
Isabella Gualandri dal 1976 al 2010 è stata professore ordinario di Letteratura latina presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Milano. Attualmente ricopre lo stesso incarico come professore a contratto. Già direttore dell'Istituto di Filologia Classica nella stessa Università, dal 2003 al 2010 è stata direttore della rivista  "Acme", periodico della Facoltà di Lettere milanese, e della collana "Quaderni di Acme". È membro del comitato scientifico della collana "Studi e testi tardoantichi"  (Roma, Herder), della rivista "Voces"  (Università di Salamanca e Caen), della serie "Studia Ambrosiana" della Biblioteca Ambrosiana di Milano. È membro effettivo dell'Istituto Lombardo, Accademia di Scienze e Lettere, e Senior Member del Robinson College di Cambridge.
I suoi ambiti di ricerca spaziano dalla letteratura latina arcaica (Ennio) e di età augustea (Orazio, Virgilio) in rapporto con la tradizione greca alla letteratura pagana e cristiana d'età tardoantica (IV-V sec.), sia d'ambito greco (edizioni critiche di testi retorico-scolastici), sia, soprattutto, d'ambito latino (ha studiato Ambrogio, Simmaco, Ammiano Marcellino, Claudiano, Prudenzio, Avieno, Draconzio, e aspetti generali della letteratura dell'epoca).
 
 
 
 
2018  www.culturaclassica.ch